Antonio Fortugno

Antonio Fortugno
Co0

Il lavoro è svolto sull'isola greca del Dodecaneso diKos, in occasione della prima mission fotografica promossa da Fondazione Fotografa Modena, volta a documentare quanto stava avvenendo nel 2016 con l'arrivo dei migranti.
Co0 è un lavoro intimista sulla condizione storica dell'uomo come viaggiatore, sul viaggio fisico e interiore che ognuno a suo modo compie nel corso della vita.
La memoria, il ricordo, l'identità prendono vita attraverso la presenza di un'assenza evocato dall'acqua, elemento vitale per eccellenza, nel dittico delle immagini della piscina dell0Ex Hotel Captain Elias della capitale, struttura alberghieraa ce è stata luogo temporaneo di accoglienza dei profughi giunti dal mare, luogo d'acqua per antonomasia e fonte di vita o di morte per i naufraghi.
L'aspetto temporale del viaggio, dell'attesa e dell'abbandono si ritrovano all'interno della caserma di Linopoti (luogo predestinato all'hotspot di Kos), che assume i connotati di una quinta teatrale dove si è attori e spettatori al contempo, attraverso una sequenza di otto immagini simili, ma diverse tra loro.