Luca Andreoni

Luca Andreoni
Inferno

Nel 1911, dopo tre anni di produzione e alti investimenti economici, venne presento al pubblico il film muto "Inferno", ricostruzione del viaggio di Dante all'inferno. Prodotto dalla Milano Films, il film ebbe un grandissimo successo, in Italia e all'estero. In assoluto il primo lungometraggio italiano, è anche uno dei più importanti kolossal di quei tempi. Utilizzò tecniche innovative, quali sovraimpressioni e altri effetti speciali nonchè in modalità di montaggio sofisticate. Alcune delle scene iniziali vennero girate in esterni in un paesaggio particolare, quello della Grigna. Il gruppo delle Grignesi trova a poche decine di chilometri da Milano, nelle vicinanze di Lecco. La sua comodità e le sue caratteristiche hanno fatto sì che diventasse già nel Novecento una delle più importanti zone di arrampicata della Lombardia, nella quale si sono formati fortissimi alpinisti quali Riccardo Cassin, Walter Bonetti e molti altri.
L'ambiente delle Grigne, in particolare la cosidetta Grignetta o Grigna meridionale, è caratterizzato dalla presenza di innumerevoli torri e torrioni di roccia calcarea. Le nubi frequenti, che si producono anche per la vicinanza del lago, li avvolgono spesso, creando un paesaggio surreale e misterioso che ben si è adattato alle scene nelle quali Dante si avvicina alla famosa porta dell'inferno.
Ho passato qualche tempo della mia vita in Grigna - da bambino, al seguito di un padre forte scalatore, e poi arrampicandoci un pò io stesso in anni giovanili. Tornarci negli ultimi anni per fare queste fotografie, cercando i luoghi dove vennero girate le sene del film, o anche solo cercandovi quelle atmosfere, è stato un pò come ritrovare vecchie amicizie.