In Sicily

Michael Christopher Brown
In Sicily

Catania, dal 28 settembre al 9 ottobre 2021

Il fotografo americano Michael Christopher Brown, il primo fotoreporter al mondo ad avere realizzato un fotoreportage di guerra (rivoluzione libica del 2011) con l’Iphone, il prossimo autunno sarà a Catania per trascorrere una residenza artistica ospite della Fondazione Oelle Mediterraneo Antico. Durante la sua residenza, Michael Christopher Brown realizzerà un reportage specifico sull’isola dal titolo In Sicily, terrà un workshop sul fotogiornalismo contemporaneo, parteciperà ad seminario scientifico e inaugurerà la sua mostra personale di fotografia, curata da Ezio Costanzo.

Chi è Michael Christopher BrownPer i suoi eccezionali reportage nei teatri di guerra e nei luoghi più impervi del Pianeta, M. C.  Brown, 43 anni, è oggi il simbolo del moderno fotoportage. Collabora con i più importanti giornali del mondo tra cui National Geographic e New York Times Magazine. È stato membro della Magnum Photos.

Fotografo e regista, Brown è cresciuto nella Skagit Valley, una comunità agricola nello stato di Washington.  È diventato noto per la sua documentazione della guerra civile libica del 2011 e per la monografia che ne è scaturita Libyan Sugar, vincitrice del Paris Photo-Award del 2016 e dell’International Center of Photography Infinity Artist Book Award, nel 2017. Brown ha trascorso diversi anni in Cina e in altre nazioni, Egitto, Congo (RDC), Repubblica dell’Africa Centrale, Cuba,  Palestina cominciando a scattare le sue foto anche con l’Iphone. Questa sua capacità di catturare momenti critici con lo smartphone gli ha aperto la strada per la collaborazione con autorevoli riviste, tra le quali Time, The New York Times Magazine, National Geography e la piattaforma Instagram, attraverso la quale arriva a centinai di migliaia di followers. È entrato a fare parte della Magnum Photos nel 2015, dove è rimasto fino al giugno del 2017, anno del suo abbandono. M.C. Brown incarna oggi sia l’aspetto tradizionale della professione di fotoreporter, che è quello di stare sempre dentro la notizia, che quello di cavalcare gli aspetti innovativi, soprattutto tecnologici, di questa professione, attraverso l’utilizzo di nuovi mezzi di riprese, come l’IPhone, e nuovi veicoli di comunicazione, come Instagram. Un utilizzo che però non lo distoglie dal motto del grande Robert Capa – al quale è legato – per cui una foto non è abbastanza buona se non sei abbastanza vicino.

La residenza

Dal 28 settembre all’8 ottobre 2021

Michael Christopher Brown andrà alla scoperta dell’Isola interpretandola con il suo linguaggio fotografico narrativo assieme al sound-engineer Michele Spadaro.
Al suo viaggio si uniranno i corsisti del workshop.

Dall’1 al 4 ottobre 2021
A numero limitato, 25 partecipanti. In aula e in esterni, con lettura finale dei portfoli.
Il workshop, che prenderà avvio l’1 ottobre 2021, è diretto a professionisti e studenti di fotografia. Tema principale sarà la professione del fotoreporter nell’era dei grandi cambiamenti tecnologici, multimediali e digitali, relativi sia agli strumenti di ripresa che alla diffusione e vendita delle immagini. L’esperienza di Brown sarà preziosa anche per l’apprendimento degli aspetti legati all’ideazione e alla preparazione del fotoreportage, alla scelta del modello narrativo e agli aspetti logistici e organizzativi.

5 ottobre 2021
Il fotoreporter. Dal banco ottico all’IPhone.
Con Michael Christopher Brown, Alberto Castelvecchi, Ezio Costanzo, Carmelo Nicosia.

Un seminario, completo e coinvolgente, che affronterà i temi della narrazione visiva dalle origini ai nostri giorni, passando attraverso l’evoluzione tecnologica dei mezzi di ripresa e del lavoro dei grandi fotografi del XX secolo. I relatori si soffermeranno sugli aspetti storici ma anche attuali della fotografia di reportage, con particolare attenzione verso gli elementi legati alla comunicazione e alla diffusione a mezzo web delle immagini. Nel seminario Brown sarà affiancato dai docenti Alberto Castelvecchi (Comunicazione efficace e public speaking), Ezio Costanzo (Fotoreportage e Storia del Reportage) e Carmelo Nicosia (Fotografia).

I/Reporter

Retrospettiva di Michael Christopher Brown
Con un’anteprima internazionale del progetto A More Beautiful World

A cura di Ezio Costanzo
Inaugurazione 8 ottobre 2021 ore 17,00
fino al 30 aprile 2022
Galleria d'Arte Moderna - Le Ciminiere, Catania

Nella retrospettiva, curata da Ezio Costanzo, Brown esporrà i reportage realizzati nei diversi teatri di guerre locali, per conto dell’agenzia Magnum e di altre testate giornalistiche internazionali, dove l’autore ha immortalato la violenza dei conflitti e le condizioni esistenziali delle popolazioni civili. La mostra accoglierà 250 fotografie che comprenderanno anche l’anteprima internazionale del progetto “A more beautiful world”, una vera e propria missione per la salvaguardia del pianeta, che Brown sta portando avanti documentando le piaghe che affliggono oggi la Terra ma anche gli aspetti che offrono una speranza per la sopravvivenza umana.
Saranno esposte le fotografie dei reportage su Libya, Cuba, Cina, Africa, Palestina, Afghanistan, America e sui recenti conflitti sociali negli Stati Uniti. Un’area della mostra sarà dedicata al reportage che l’autore realizzerà durante la sua residenza in Sicilia.