Angelo Scandurra
SINE DIE
2020

Sempre più onde
che conoscono gli scogli
sospingiamo il cuore
a frangersi
e loro stanno lì
ad attenderci;
sanno tutto di noi
si lasciano accerchiare,
la schiuma scivola,
annega fra alghe e assenze.

Siamo amanti di Nettuno
e sul tridente
i nostri capelli
diventano vele
di corpi allungati.

« 1 di 2 »